lunedì 17 luglio 2017

Revolutionary road di Richard Yates

Un libro difficilissimo da commentare.
Yates ha iniziato la sua carriera di romanziere con una storia triste, vera e dolorosa. Ha descritto uno spaccato di vita americana come nessuno in America amerebbe leggere. Non più il Grande Sogno Americano, ma un piccolo incubo abbastanza comune.
Ci sono due persone, Frank e April Wheeler, che dal di fuori sono interessanti, eccentriche senza essere ghettizzate, divertenti. Innamorate.
Hanno due bei bambini (una femmina e un maschio), una bella casa in periferia e Frank ha un lavoro stabile che non gli piace ma gli permette di mantenere dignitosamente la sua famiglia, come ogni maschio americano dovrebbe fare. E hanno anche degli amici, più o meno interessanti, che li adorano per quello che rappresentano: il successo del sistema.

Ma il libro non ci permette di farci illusioni: inizia malissimo, aprendo falle nel sistema già dalla prima scena.
E tutto sembra destinato a sfasciarsi molto presto, come poi effettivamente accade. Niente sorprese in queste pagine.
Eppure è comunque uno choc leggere fino alla fine.

Ammetto di non sapere per chi dei due parteggiare (se Frank con tutte le sue illusioni borghesi, nascoste sotto una patina fintissima di anticonformismo o April, con le sue nevrosi e alternate lucidità). Penso che parteggerò per John Givings, un personaggio che sembra secondario, ma funge da catalizzatore a tutta la vicenda (sua madre non ha tutti i torti dicendo che "rovina le persone", ma non nel senso che intende lei).
John è l'unico a dire la vera verità in tutto il romanzo, e infatti paradossalmente è lui a essere rinchiuso in manicomio, perché "non sa gestire i rapporti con le persone". Vero, non sa gestirli perché a un certo punto della sua vita (non si sa quando, Yates non ha ritenuto necessario dircelo) ha deciso che lui non ci stava più a fare la parte del bravo soldatino e agli occhi degli altri è dunque "impazzito".
Mi sento spesso dire che parteggio sempre per i personaggi maschili (sia di un libro che di un film) più che per quelli femminili, nonostante sia il mio sesso.
Beh, non è questo, ma donnicciole come April Wheeler o come Milly Campbell, che sanno solo essere depresse e lamentarsi, proprio non mi vanno giù. Non ne vedo la forza, se non in negativo. Però April alla fine mi ha stupita, non con il suo gesto sciocco (e mortale), ma con la sua appena precedente analisi della loro vita così com'è, senza finzioni. Peccato che è riuscita a dirlo solo a se stessa e non a Frank. Forse ci sarebbe stata un'altra via d'uscita.

E' un romanzo sullo sgretolamento delle certezze più profonde dell'essere umano: Frank voleva essere diverso, un filosofo, un eterno cercatore, invece si è ritrovato a diventare esattamente il tipo di "piccolo borghese" che aveva sempre fatto finta di disprezzare; April si è costruita da sola una vita infelice, semplicemente mettendo una bugia in fila all'altra; Shep Campbell dopo aver vissuto la sua avventura ad occhi aperti dal vivo si è reso conto che è meglio una moglie che ogni tanto puzza di sudore e che non è molto intelligente, ma che sia viva dentro e dolce e adorante; Milly è un personaggio troppo scialbo per poter aver avuto certezze da sgretolare, ma è una pettegola che riesce a trarre argomento di conversazione anche da una tragedia che dovrebbe averla colpita trattandosi di una sua amica; Helen Givings si era illusa di poter riabilitare il figlio John attraverso i Wheeler (così eccentrici, ma simpatici), ma involontariamente accelera la tragedia (non che non fosse annunciata, eh).

Che posso dire. Bellissimo. La scrittura di Yates mi ha catturata fin dalla prima riga e mi ha invischiata nel mondo borghese di Revolutionary Road e Revolutionary Hill (che ironia...), e sono sicura che mi perseguiterà ancora per un bel pezzo.

Anarchic Rain

Nessun commento:

Posta un commento